lunedì 3 febbraio 2020

Visita alle Cantine BISSON "Cantina degli ABISSI" - Relazione di Pero Lugano, proprietario - 31 gennaio 2020

Questa sera visitiamo una eccellenza del nostro territorio, le Cantine Bisson di Sestri Levante, dove viene creato il famoso spumante metodo classico "Abissi" il cui affinamento avviene in profondità nella baia di Portobello a Sestri Levante. Il nuovo stabilimento, costruito di recente nel bel mezzo delle vigne in cui si coltivano le uve  che stanno dietro ad Abissi e agli altri vini, bianchi rossi e rosati, è un gioiello di tecnologia enologica. La visita si è conclusa con una degustazione di Abissi e una magnifica cena con portate della tradizione ligure abbinate ai vini Bisson.
Al termine Piero Lugano ci ha raccontato come ha cominciato a lavorare nel commercio e poi nella produzione del vino e come gli è venuta l'idea di affinare in mare uno spumante metodo classico. 
Ci è sembrato appropriato regalargli l'ultima copia del portfolio di disegni dei grandi vignettisti italiani a tema "Grappolo" ideata nel 2007 dal compianto past presidente Gualtiero Schiaffino per raccogliere fondi.





La Storia dell'Aviazione di Marina Italiana - Relazione di Marco Brescia, Direttore di Storia Militare - 10 gennaio 2020

Interessante serata allo Yacht Club di Chiavari con Marco Brescia, direttore della rivista "Storia Militare", che ci ha spiegato la storia dell'Aviazione di Marina Italiana, dagli inizi nel primo novecento, con le navi che caricavano e scaricavano in mare gli idrovolanti, alla legge che creò l'Aviazione Militare, bloccando lo sviluppo dell'Aviazione della Marina Militare, alle restrizioni dopo la Seconda Guerra Mondiale, allo sviluppo delle porta elicotteri e infine agli incrociatori tutto ponte, che sono oggi le nostre portaerei.

lunedì 30 dicembre 2019

I funerali di Roberto Napolitano - 30 dicembre 2019

Roberto Napolitano era un grande Rotariano.
Nel 1985 è stato uno dei soci fondatori del Rotary Club Chiavari Tigullio, di cui è stato Presidente per due volte; è stato insignito dal Club con la decorazione Paul Harris Fellow per nove volte (di più non si poteva), era benefattore della Rotary Foundation e per il lavoro svolto per il Distretto 2030 è stato insignito della Citazione per Servizio Meritevole.
Sarebbe stato un grande Governatore del Distretto.
Durante gli anni ‘90 Roberto ha studiato i meccanismi con i quali il Rotary International fornisce fondi per sovvenzionare le operazioni umanitarie dei club, e da allora un flusso notevole di fondi ha raggiunto il nostro Club e il nostro Distretto. Abbiamo progettato ed eseguito operazioni umanitarie in Costa D’Avorio, Togo, Burkina Faso, Burundi, Filippine, Moldova, Perù, solo per citare alcuni degli stati, ma anche e soprattutto nel nostro territorio per il Centro Benedetto Acquarone, il Villaggio del Ragazzo, l’Anffas Tigullio Est, l’Istituto di  Studio e Lavoro, le varie mense del povero del Tigullio, i malati di SLA e Alzahimer, il Gaslini, don Orione. C’è stato un periodo in cui per Chiavari vedevi spesso girare pulmini col simbolo del Rotary grazie a queste operazioni.
Nel 1989 Roberto e Gerard Bildé, che oggi ha voluto essere qui con noi, hanno avviato il gemellaggio tra i Club Chiavari Tigullio e Chamonix Megève Mont Blanc, gemellaggio che è stato un prezioso strumento per le operazioni umanitarie in Italia.
Nel 2003 Roberto è stato anche uno dei fondatori e poi il coordinatore del Gruppo di Azione Rotariana del Grappolo, che riunisce Club del Levante Ligure e del Basso Piemonte, sempre per poter fare operazioni umanitarie complesse e di ampio respiro finanziario.
Ma il Rotary non è solo servizio per gli altri, è anche amicizia vera tra i soci.
Da Roberto abbiamo imparato come gestire il Club, come fare le operazioni umanitarie, come aiutarci e consolarci a vicenda nel momento del bisogno, e come divertirci.
Quante volte siamo andati insieme in giro per il mondo e in Italia, e ci siamo divertiti, lo seguivamo ovunque, soprattutto per aiutare Maria Luisa a raccogliere gli oggetti che dimenticava in giro.
Roberto era intelligente, pragmatico, concentrato sugli obiettivi da raggiungere, multilingue, amichevole, ironico, colto, a suo agio ovunque nel mondo.
Era il motore che faceva muovere il nostro Club.
Ieri sera ci siamo guardati in faccia tra noi soci, e senza dirlo, la domanda che ci girava in testa era “e adesso come facciamo a far andare avanti il Club?”

Facile, quando saremo davanti a un problema basterà pensare a cosa avrebbe fatto Roberto, e lo risolveremo.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...