venerdì 25 novembre 2016

Conviviale del 24 novembre 2016
Hotel Grande Albergo - Sestri Levante
Relatore: Gen. B. Paolo Carra



Giovedì 24 novembre presso il Grande Albergo di Sestri Levante si è tenuta la tradizionale serata dedicata alle Forze Armate in interclub con il RC Rapallo Tigullio alla quale ha partecipato come relatore il comandante della Legione Carabinieri Liguria Generale di Brigata Paolo Carra.
Il generale Carra, mantovano, dopo l'Accademia Militare di Modena frequenta la Scuola Ufficiali Carabinieri di Roma e diversi altri corsi di perfezionamento. 
Ha retto diversi comandi tra cui il Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Roma Centro, la compagnia Carabinieri di Napoli Centro, il Nucleo Informativo del Comando Provinciale di Napoli, il Reggimento Corazzieri.
Ha ricoperto anche numerosi incarichi nello Stato Maggiore del Comando Generale dell'Arma ed è insignito di diverse decorazioni tra cui quella di Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana e l'Insegna d'Onore della Casa Militare della Presidenza della Repubblica.
Dal settembre 2015 è Comandante della Legione Carabinieri Liguria.
Il generale Carra ha tenuto un'interessante relazione sul Reggimento Corazzieri, la più antica unità delle Forze Armate italiane, che fu costituito il 7 febbraio del 1868 a Firenze, all'epoca capitale d'Italia. Era formato da 80 carabinieri a cavallo ed aveva il compito di fare la scorta d'onore al corteo reale.
Nel 1871, con il trasferimento della monarchia da Firenze a Roma, i Corazzieri entrarono a far parte della Legione Carabinieri di Roma insediandosi al Quirinale. 
Per far parte del Reggimento occorre essere alti almeno 190 cm, avere un'indiscussa moralità personale e familiare, avere eccellenti trascorsi disciplinari e di servizio, saper cavalcare alla perfezione e saper guidare le imponenti moto Guzzi California.
Importante è la resistenza fisica a prolungati turni di servizio in piedi, svolti con austera immobilità ma, soprattutto, sono indispensabili capacità e prontezza, per gestire tante delicate situazioni operative caratterizzate da grande presenza di pubblico e dalla necessità di assicurare una protezione discreta, ma sempre efficace. I Carabinieri Corazzieri inoltre sono addestrati anche per la scorta al Presidente della Repubblica. Dispongono di un vasto equipaggiamento, chiamato " bottino "; tra loro vi è anche un'aliquota addestrata al ruolo di tiratore scelto, che sovente viene impiegata quando il Presidente della Repubblica è esposto al pubblico. I Carabinieri Corazzieri sono anche addestrati alle tecniche di arti marziali, difesa personale e paracadutismo.

sabato 12 novembre 2016

I Cavalieri del Santo Sepolcro

Conviviale dell'11 novembre 2016
Hotel Grande Albergo - Sestri Levante
Relatore: Prof. Bruno LAROSA


Venerdì 11 novembre all'Hotel grande Albergo di Sestri Levante si è tenuta una conviviale interclub con il RC Portofino alla quale ha partecipato come relatore il professor Bruno Larosa, professore presso la Facoltà di Economia dell'Università di Pisa, docente presso la Scuola Nazionale dell'Amministrazione, già Ufficiale della Guardia di Finanza, svolge la professione di commercialista a La Spezia. Ricopre inoltre numerosi incarichi pubblici ed accademici ed è Cavaliere dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro.
Proprio in quest'ultima veste ha tenuto un'interessante relazione sull'Ordine del santo Sepolcro di Gerusalemme.

L'Ordine nasce verosimilmente nel periodo della Prima Crociata ma non si hanno documenti dai quali ricavare informazioni storiche certe.
Si tratta di un ordine cavalleresco cattolico, sotto forma di associazione pubblica di fedeli della religione cattolica, di subcollazione (ossia concesso per delegazione) dalla Santa Sede e avente personalità giuridica canonica civile.
Legato alla basilica del Santo Sepolcro di Gerusalemme, proprio perché di subcollazione pontificia, può definirsi come la sola istituzione laicale della Santa Sede incaricata di sopperire alle necessità del Patriarcato Latino di Gerusalemme e di sostenere le attività e iniziative a favore della presenza cristiana in Terra Santa. Il Patriarcato ha quindi come principale fonte contributiva istituzionale le oblazioni erogate dai Cavalieri e dalle Dame dell'Ordine.
Al pari degli ordini equestri pontifici a collazione diretta la Repubblica Italiana permette l'uso, sul territorio nazionale, ai cittadini italiani del titolo e delle onorificenze di questo ordine conferite, previa istanza dell'insignito da inoltrare tramite le Prefetture di residenza o tramite i Ministeri di appartenenza se pubblici dipendenti e suo recepimento con Decreto del Presidente della Repubblica Italiana.
Nel 1949 papa Pio XII stabilì che la funzione di Gran Maestro dell'Ordine, che secondo il codice di diritto canonico del 1917 era propria del Papa, venisse delegata dal pontefice a un cardinale, assegnando al Patriarca di Gerusalemme la prerogativa di Gran Priore.
Nel 1962, papa Giovanni XXIII e poi, nel 1967, Paolo VI modificarono ulteriormente lo statuto, al fine di consentire all'Ordine un'azione più coordinata ed efficiente.
Nel febbraio del 1996, papa Giovanni Paolo II ha ulteriormente elevato la dignità dell'Ordine, il quale attualmente, è un'associazione pubblica di fedeli, eretta dalla Santa Sede a norma del codice di diritto canonico del 1983, con personalità giuridica canonica e civile.
Il 29 agosto 2011, papa Benedetto XVI ha nominato a capo dell'Ordine l'arcivescovo Edwin Frederick O'Brien con il titolo di pro-Gran Maestro dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme. Il 16 settembre successivo è giunto in Vaticano, per prendere possesso del suo ufficio. Nel concistoro del 18 febbraio 2012, papa Benedetto XVI lo ha creato cardinale col titolo diaconale di San Sebastiano al Palatino, e di conseguenza l'ha nominato Gran Maestro.
All'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme è stato affidato il compito, come unica istituzione dello Stato del Vaticano, di sopperire alle necessità del Patriarcato Latino di Gerusalemme e di tutte le attività ed iniziative promosse in Terra Santa.
L'Ordine ha una struttura gerarchica molto rigida al cui vertice si pone il Cardinale Gran Maestro che viene nominato direttamente dal Papa.
L’Ordine è presente in 34 paesi e conta circa 30.000 membri. I Cavalieri e le Dame del Santo Sepolcro, pur vivendo il loro impegno in modi diversi, sono accomunati dallo spirito di solidarietà e dal dono di sé.
Essere Cavaliere o Dama oggi rappresenta un impiego significativo e riflette un amore viscerale per la Terra Santa e per le “pietre vive” della Chiesa Madre di Gerusalemme. Indossando quel mantello (in cui egli sarà sepolto, avvolto come in un sudario), il Cavaliere del Santo Sepolcro esprime la sua appartenenza a Dio e il suo impegno a servire la Sua Chiesa e i Suoi ministri, fornendo sostegno alle opere e alle istituzioni cultuali, caritatevoli, culturali e sociali della Chiesa cattolica in Terra Santa, e in particolare del Patriarcato latino di Gerusalemme.

sabato 29 ottobre 2016

Alcool e sostanze: mancanza di libertà

Conviviale del 28 ottobre 2016
Hotel Monterosa - Chiavari
RelatoreDott. Gianni TESTINO




Venerdì 28 ottobre è stato ospite del Club per una conviviale sul tema alcool e sostanze il dottor Gianni Testino, Medico internista specialista in Gastroenterologia.
Fino al 2003 ha avuto la direzione della Epatogastroenterologia presso Ospedale San Martino per passare alla direzione Alcologia e Patologie Correlate presso IRCCS AOU San Martino-IST.
E' coordinatore del Centro Alcologico della Regione Liguria, membro di numerose società scientifiche e Presidente Onorario della Sezione Ligure della Societa’ Italiana di Alcologia di cui è anche vice Presidente.
E' referente del Gruppo di Lavoro presso l'Istituto Superiore di Sanità (Gruppo CSDA - Roma) e del Centro Alcologico Regionale per le politiche di prevenzione alcologica
Collaboratore dell’Organizzazione Mondiale di Sanita’ (ISS, Roma)
Vincitore di premi nazionali ed internazionali per la qualità della ricerca, è membro di numerosi Editorial Boards di riviste scientifiche internazionali ed è Editor in Chief della rivista internazionale Journal of Digestive Diseases and Hepatology
Professore a contratto di Gastroenterologia, Epatologia e Medicina Interna presso la Facolta’ di Scienze Mediche dell’Universita’ di Genova, vants oltre 500 pubblicazioni scientifiche di cui 140 con impatto scientifico internazionale
I settori di ricerca sono l'epatologia, le neoplasie epatiche, le neoplasie gastriche (sino al 2003), la gestione paziente correlato al trapianto di fegato, patologie alcol correlate, prevenzione e promozione della salute.
ll dottor Testino (non beve alcool, non fuma) ha sostenuto con vigore e una interessante presentazione le caratteriste dell'alcool come sostanza nociva dell'organismo umano. Ne consegue che non esiste il cosiddetto "uso moderato che non fa male", ma più scientificamente esistono soglie di dosaggio al sotto delle quali il rischio di contrarre malattie epatiche e/o oncologiche dovute all'uso dell'alcool passa da 1/1000 persone, a 1/100, alla quasi certezza. Infine l'uso di alcool al di sotto di 25 anni provoca modifiche cerebrali, assuefazione e ricadute dopo fasi di astinenza (anche in tarda età) in maniera maggiore di chi ne ha fatto uso la prima volta dopo i 25 anni.
Da qui due necessità: per gli adulti, di essere consapevoli del rischio ed eventualmente di assumerlo coscientemente; per i minori, di essere educati precocemente e in maniera coinvolgente a conoscere il rischio e per i loro genitori di evitare in tutti i modi l'uso dell'alcool prima dei 25 anni.
Il dottor Testino è fermamente contrario al proibizionismo, ritenuto inutile, e fermamente favorevole a campagne intelligenti e coinvolgenti di informazione, soprattutto per i giovani, come durante la nostra conviviale e nel suo lavoro di tutti i giorni.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...